Indice sezioni pagina, permette l'accesso rapido alle varie sezioni del sito

  1. Men¨ di navigazione principale
  2. Men¨ di navigazione per tipo utente: filtra i contenuti in base alla tipologia di utente
  3. Configura visualizzazione sito
  4. Intestazione pagina
  5. Men¨ di navigazione a briciole di pane (identifica in quale punto del sito stai navigando)
  6. Contenuti principali della pagina
  7. PiŔ di pagina

Men¨ di navigazione a briciole di pane

Contenuti princiapali

Il piano di zona (LR 1/2004) rappresenta lo strumento per la definizione del sistema integrato degli interventi e dei servizi sociali e che, anche attraverso l'integrazione socio-sanitaria, persegue l'obiettivo del benessere della persona, del miglioramento continuo della qualitÓ dei servizi nonchÚ della promozione sociale, anche attraverso la messa in opera di strumenti per l'osservazione del disagio emergente dalle varie fasce della popolazione interessata.
╚ definito secondo le indicazioni del piano regionale, con la partecipazione di tutti i soggetti attivi nella programmazione, ed Ŕ integrato nel pi¨ generale quadro delle politiche della sanitÓ, dell'ambiente, dell'istruzione, della formazione, del lavoro, della casa, dei servizi, del tempo libero, dei trasporti e delle comunicazioni.

Il piano di zona deve comprendere i seguenti contenuti:

  • la conoscenza e l'analisi dei bisogni della popolazione, nonchÚ le forme di rilevazione dei dati nell'ambito del sistema informativo;
  • l'individuazione, la qualificazione e la quantificazione delle risorse pubbliche del terzo settore e private, disponibili ed attivabili;
  • la definizione degli obiettivi strategici e delle prioritÓ cui finalizzare le risorse disponibili;
  • la strutturazione dei servizi e la tipologia delle prestazioni;
  • le modalitÓ di concertazione e di raccordo per la programmazione e l'erogazione dei servizi e delle prestazioni fra tutti i soggetti coinvolti;
  • i rapporti organizzativi ed economico-finanziari fra i diversi soggetti quali accordi, deleghe, convenzioni e protocolli d'intesa per i servizi;
  • l'attivitÓ di formazione di base, la riqualificazione e la formazione permanente per gli operatori dei servizi sociali;
  • la collocazione fisica dei servizi, la composizione e le funzioni delle equipe pluriprofessionali relative ai singoli progetti-obiettivo;
  • i criteri di qualitÓ delle prestazioni, le modalitÓ di approvazione congiunta dei progetti individualizzati, le facilitazioni all'accesso da parte dei cittadini e ogni altro elemento ritenuto necessario ad elevare la qualitÓ dei servizi e delle prestazioni erogate;
  • la definizione del sistema di monitoraggio e verifica.

PiŔ di pagina