Indice sezioni pagina, permette l'accesso rapido alle varie sezioni del sito

  1. Menù di navigazione principale
  2. Menù di navigazione per tipo utente: filtra i contenuti in base alla tipologia di utente
  3. Configura visualizzazione sito
  4. Intestazione pagina
  5. Menù di navigazione a briciole di pane (identifica in quale punto del sito stai navigando)
  6. Contenuti principali della pagina
  7. Piè di pagina

Menù di navigazione a briciole di pane

Contenuti princiapali

01.04.2010

Piano di Zona 2010-2012: definite le priorità


Venerdì 26 Marzo alle ore 17,30 il Tavolo Politico Istituzionale del Piano di Zona 2010-2012 ha validato le priorità del nuovo triennio di programmazione sociale integrata.

Il percorso è stato avviato lo scorso Dicembre quando l’Assemblea Consortile ha definito la composizione del nuovo Tavolo Politico, organismo con funzioni di individuazione delle priorità e degli obiettivi, di ricognizione delle risorse disponibili, di scelta delle forme di coinvolgimento, di costituzione dell'Ufficio di Piano, nonché di ratifica della proposta di Piano di Zona.

A seguire la nomina dei componenti l’Ufficio di Piano “uno dei punti di forza del nuovo percorso è senz’altro quello di aver costituito un Ufficio di Piano allargato. Abbiamo infatti individuato un rappresentante per ogni categoria di attori che sono coinvolti nel sistema integrato di interventi e servizi sociali (C.S.S.M., ASL, Comuni, Provincia, Comunità Montana, scuola, cooperazione, volontariato, organizzazioni sindacali e Presidi residenziali) al fine di garantire il coinvolgimento, già nel livello tecnico, di tutti i soggetti portatori di interessi”  (Presidente del C.S.S.M. – Avv. Borsarelli Luca).Ufficio di Piano e Tavolo Politico hanno proseguito i lavori elaborando l’analisi del contesto e definendo i bisogni sulle cinque politiche individuate: famiglia e minori, disabili, anziani, povertà e inclusione sociale, governance della rete dei servizi.L’analisi condotta ha permesso al livello politico di definire le priorità nell’incontro dello scorso 26 Marzo.  “Abbiamo cercato di focalizzare l’attenzione su alcune delle esigenze prioritarie del nostro territorio, soprattutto legate alla ricollocazione lavorativa, ai bisogni attuali delle famiglie e dei giovani, al sostegno degli anziani soli ed all’incentivazione di forme di aggregazione per anziani ancora attivi, allo sviluppo di servizi per i disabili ed al contrasto del disagio abitativo" (Presidente del C.S.S.M. – Avv. Borsarelli Luca).

Nei prossimi mesi verranno attivati i tavoli tematici, il cui compito sarà di elaborare proposte di azioni concrete da sottoporre all’Ufficio di Piano.

 

 


Piè di pagina